Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

 

Tasse scolastiche 2020: si pagano con modello F24, le istruzioni e i codici tributo comunicati dall’AdE nella risoluzione n. 106/E

Una nuova novità introdotta nel Decreto Crescita, che entrerà in vigore il 1° gennaio 2020, riguarda il pagamento delle tasse scolastiche. Con la Risoluzione n. 106/E del 17 dicembre 2019 sono stati resi disponibili i codici tributo da utilizzare. I codici istituiti da utilizzare per pagare le tasse scolastiche ne sono quattro, per: l’iscrizione, la frequenza, l’esame e il diploma. Sarà possibile effettuare il pagamento mediante compensazione utilizzando, come d’obbligo, il modello F24 telematico.

Tasse scolastiche:  pagamento con modello F24, i codici tributo e istruzioni

Dal 1° gennaio 2020 è possibile pagare le tasse universitarie con il versamento unitario e a compensazione, grazie all’estensione riportata nel Decreto Crescita 2019. La misura è stata resa operativa con la pubblicazione della Risoluzione n. 106/E dell’Agenzia delle Entrate, tale documento permette di effettuare il versamento delle tasse scolastiche utilizzando il modello F24, istituendo i seguenti codici:

  • Codice TSC1 per pagare le Tasse scolastiche che riguardano l’iscrizione;
  • Codice TSC2 per pagare le tasse scolastiche che riguardano la frequenza;
  • Codice TSC3 per pagare le tasse scolastiche che riguardano l’esame;
  • Codice TSC4 per pagare le tasse scolastiche che riguardano il diploma.

Nel documento sono riportate anche le istruzioni per compilare il modello F24 per il versamento.

I codici tributi segnalati vanno trascritti nella sezione “erario” in corrispondenza degli importi da pagare nella colonna “importi a debito versati”, bisogna indicare anche l’anno di riferimento nella versione “AAAA”, nel caso si ha la necessità di indicare un anno scolastico bisogna inserire nel campo l’anno iniziale, ad esempio per l’anno scolastico 2019/2020 va indicato 2019.

Nella sezione “Contribuente” del modello F24 andranno indicati:

  • nel campo “Codice fiscale”, il codice fiscale dello studente;
  • nel campo “Codice fiscale del coobbligato, erede, genitore, tutore o curatore fallimentare”, il codice fiscale del genitore o tutore o amministratore di sostegno che effettua il versamento, nel campo “Codice identificativo” andrà trascritto il codice “02”.

Modello F24  invio telematico obbligatorio per tutti

Il Decreto Crescita ha esteso l’utilizzo del modello F24 per il pagamento delle tasse scolastiche e governative. In questo modo il contribuente può usufruire del vantaggio di portare a compensazione anche le tasse scolastiche dal 1° gennaio 2020.

Il direttore dell’Agenzia delle Entrate ha dichiarato che anche le tasse scolastiche rientreranno nella dichiarazione precompilata.

Detrazioni spese scolastiche: ecco quali sono permesse

 

Il Dirigente Scolastico

Francesco Fuschillo